Parco Archeologico di Segesta

1
2
3
4
5
6
7
8

Il Parco Archeologico si estende nel territorio di Calatafimi - Segesta‚ in provincia di Trapani‚ ed è un autentico scrigno a cielo aperto che conserva tesori di inestimabile valore‚ come uno dei templi dorici più famosi al mondo per stato di conservazione.

Famosa soprattutto per il suo meraviglioso Teatro Greco‚ l’antica Segesta‚ perla del Mediterraneo‚ sorge in una splendida posizione‚ tra dolci colline dal colore rosso bruno che contrastano con le varie tonalità di verde del paesaggio circostante.

Una storia antica...

Secondo lo storico Tucidide‚ a fondarla furono gli Elimi‚ antico popolo che abitava la Sicilia occidentale‚ che‚ a suo dire‚ discendeva dai profughi scampati alla guerra di Troia‚ giunti in questi luoghi guidati dal mitico Enea.

Non si conosce la data di fondazione‚ ma è certo che nel IV sec. la città fosse già abitata e che rappresentasse uno dei principali centri ellenizzati del bacino del Mediterraneo.

....e ricca di conflitti

Nel V secolo‚ per sconfiggere l’acerrima rivale Selinunte che spesso violava il suo territorio‚ Segesta inizialmente chiese aiuto ad Atene‚ che fu lieta di intervenire‚ e poi a Cartagine‚ tradizionale alleata delle città elimo- puniche. Selinunte‚ invece‚ si rivolse a Siracusa‚ ad Agrigento e a Gela. Nel 409 a.C. i Cartaginesi‚ giunti in Sicilia‚ rasero al suolo Selinunte ed Himera.

Segesta venne a sua volta distrutta dal siracusano Agatocle nel 307 a.C‚ che‚ dopo una feroce repressione‚ cambiò il suo nome in ’Diceopoli’ (“Città Giusta”).

Nel 276 a.C. la città si consegnò alla potente armata di Pirro‚ re dell’Epiro‚ ritornando sotto l’influenza punica alla dipartita dell’epirota.

Dal 260 a.C. rinacque con i Romani che‚ in nome delle comuni origini troiane‚ la difesero dai tentativi di conquista troiana‚ garantendole lo stato di “città libera”‚ esentandola dal pagamento di tributi e dandole una certa autonomia politica e di controllo territoriale.

Fu nel 104 a.C. che‚ da Segesta‚ iniziarono le rivolte degli schiavi in Sicilia‚ le cosiddette “guerre servili”‚ soffocate nel sangue dai Romani nel 99 a.C.

Segesta fu distrutta dai Vandali nel V secolo‚ dopodiché non si hanno più molte notizie storiche certe.

Da visitare:

  • Il Tempio dorico;
  • Il Teatro Greco;
  • L’ Acropoli.