L'isola di Ustica

 

La perla nera del Mediterraneo

perla1
perla2
perla3
pela5
[erla4
perla6
perla7
perla9
perla10
perla11
perla12
perla13
perla14
perla14
Ustica‚ conosciuta anche come la perla nera del Mediterraneo‚ è una piccola isola di origine vulcanica e si trova a circa 36 miglia nautiche a nord-ovest di Palermo. Deve il suo nome alla parola latina "ustum"‚ bruciato‚ arso‚ a causa delle formazioni rocciose generate dalle eruzioni vulcaniche e conseguenti colate laviche. La splendida isola di Ustica ha una superficie di appena 9 km quadrati ed è in realtà solo la parte superiore di un enorme vulcano sommerso.I promontori collinari‚ Monte Guardia dei Turchi e Monte Costa del Fallo sono i resti di antichi crateri.La natura effusiva della roccia di Ustica ha determinato la formazione di diverse grotte e cavità dalle forme e dimensioni diverse‚ che nel tempo diedero riparo ai primi insediamenti umani e che oggi sono interessanti da visitare sia sopra che sotto il mare.L'isola di Ustica nonostante la sua origine vulcanica è caratterizzata da tanti colori‚ il verde della ricca vegetazione che colora i pendii dolci dei promontori‚ il turchese del suo mare che muta sino al blu intenso‚ e dai colori pastello che colorano le case del piccolo paese. Una piccola isola capace di sedurre tanti viaggiatori per il suo mare e la natura incontaminata.

 

Il Paese di Ustica

pae1
pae2
pae3
pae3
pae5
pae6
pae7
pae8
pae9
pae10
pae11
ae13
pae15
pae16
paae20
L'isola di Ustica conta circa 1500 abitanti. La maggior parte degli Usticesi vive nel piccolo paese di Ustica‚ situato sul pendio di una delle colline dell'isola che si affaccia sull’insenatura naturale del porto di Cala Santa Maria. Le case del paese hanno un caratteristico stile mediterraneo con pareti color pastello e tetti piani. La maggior parte di esse sono splendidamente decorate con dei murales e abbellite con dei vasi di fiori‚ altre sono decorate con le caratteristiche piastrelle multicolori. In paese i visitatori possono trovare diverse piccole botteghe artigiane dove è possibile acquistare dei souvenirs e manufatti tipici. Girovagando per le stradine del piccolo borgo troverete anche dei banchetti caratteristici colmi di frutta profumata e verdura fresca appena raccolti dai campi. La piazza principale‚ dove si trova anche la chiesa di San Ferdinando Re‚ è Piazza Umberto I. E’ posizionata nella parte più alta del paese di Ustica‚ e da questo punto si domina tutto il pendio compreso il porticciolo sottostante‚ ove si possono scorgere i pescatori intenti nel loro lavoro con le reti a bordo delle loro coloratissime barche.  Anche se piccolo‚ il paese di Ustica ha un numero sufficiente di pizzerie pub‚ bar e ristoranti‚ dove poter gustare del buon pesce fresco e dell’ottima cucina Usticese‚ famosa in tutto il mondo per le lenticchie.Da non perde è la festa del Santo Patrono‚ San Bartolomeo‚ celebrata il 24 agosto. Un'occasione unica per scoprire la tradizionale festività Usticese‚  ammirare le migliaia di luci che colorano le strade‚ e i fuochi d'artificio che illuminano il mare di notte.

 

 

Storia di Ustica

sto1
sto2
sto4
sto6
sto6
sto7
sto0
L'isola di Ustica è piena di storia‚ i primi insediamenti risalgono alla preistoria‚ nell’età romana durante le guerre puniche vi sono testimonianze di insediamenti  cartaginesi. Nel medioevo i saraceni usarono l’isola come loro avamposto‚ di fatto impedendo a Normanni e Spagnoli di colonizzarla. Sotto il dominio Borbonico‚ nel 18° secolo‚ grazie ad una legge che incoraggiava la ripopolazione dell'isola‚ offrendo  terreni agricoli gratuiti ed esenzione fiscali alle famiglie che si trasferivano a Ustica‚ iniziò la colonizzazione da parte di un folto gruppo di agricoltori. Questi nel tempo dovettero affrontare gli attacchi dei Turchi che saccheggiavano l'isola. Per questo motivo furono costruite delle mura di difese più solide‚ di cui si può ancora oggi ammirare la loro presenza insieme al forte di Falconara. All'inizio del XX secolo‚ Ustica per la sua posizione remota‚ iniziò ad essere utilizzata come carcere per confinare criminali e prigionieri politici. Durante il periodo fascista in Italia‚ alcuni oppositori di Mussolini furono esiliati sull'isola‚ di cui il parlamentare comunista Antonio Gramsci è il più noto.La storia dell'isola ha lasciato molte testimonianze e resti che possono ancora oggi essere ammirati nel museo archeologico‚ nel villaggio preistorico‚ e sui fondali‚ tanto da creare dei veri e propri percorsi archeologici  a terra che sott’acqua. 

Area Marina Protetta

amp1
Tra le 30 Aree Marine Protette lungo le coste italiane‚ l'Area Marina Protetta "Isola di Ustica"‚ fondata nel 1986‚ ha il titolo di AMP più antica d'Italia. Le acque circostanti l’isola di Ustica sono protette! Questo ha garantito nel tempo il ripopolamento delle specie e la creazione di un vero paradiso sottomarino. Un parco marino dove la limpidezza delle sue acque‚ la conformazione dei fondali e le correnti naturali‚ hanno preservato un abbondante presenza di vita‚ che garantisce tanta biodiversità. Grazie anche alla costante vigilanza delle autorità preposte‚ dei pescatori locali‚ e dei diving center che operano sul posto‚ oggi Ustica è conosciuta anche come la capitale della subacquea del Mediterraneo.  L'AMP copre circa un area di 16.000 ettari di mare lungo una fascia costiera di 14‚5 km. Come la maggior parte delle AMP‚ l'area è divisa in tre zone soggette a requisiti diversi:
Zona A‚ un'area di riserva integrale‚ che si estende lungo la costa occidentale dell'isola e all'interno della quale si applica il divieto di accesso assoluto‚ ad eccezione delle attività di sorveglianza e ricerca scientifica‚ e per la balneazione limitate alle baie di Cala Sidoti e Cala Acquario;
Zona B‚ un'area di riserva generale‚ che interessa quasi l'intera parte settentrionale di Ustica;
Zona C‚ un'area di riserva parziale‚ che comprende il settore meridionale dell'isola di Ustica. La pesca subacquea è assolutamente vietata in tutta l'AMP‚ mentre le attività di pesca artigianale e le attività ricreative subacquee sono consentite nella zona B e nella zona C‚ previa approvazione dell'autorità di gestione dell'AMP.
I fondali dell’ Area Marina Protetta di Ustica‚ con l'eccezione di alcune baie‚ degradano rapidamente fino a profondità elevate . La zona infralitorale‚ l'habitat roccioso che si estende dal livello del mare a circa 40 metri di profondità‚ è caratterizzata dalla presenza di alghe fotofile appartenenti al genere Cystoseira ed ampi prati di posidonia (Posidonia Oceanica)‚ pianta endemica del Mediterraneo. Al di sotto dei 40 metri di profondità inizia l'habitat del coralligeno ‚ caratterizzato dalla presenza di diverse specie di gorgonie spugne e dal falso corallo nero del Mar Mediterraneo (Savalia Savaglia) specie sciafile cioè adatte a vivere in ambienti poco luminosi.
La fauna ittica è estremamente abbondante ed è composta da innumerevoli specie. Nuvole di saraghi‚ corvine‚ scorfani‚ dentici‚ e non solo. Coloro che si immergono nelle limpide acque di Ustica hanno l'opportunità di osservare cernie brune molto grandi (Epinephelus Marginatus) o di essere circondati da banchi di ricciole (Seriola Dumerili) e barracuda (Sphyraena spp.). Questi pesci sono abituati alla presenza dei subacquei e si lasciano avvicinare;  uno spettacolo indimenticabile per i sub! I subacquei amanti del macro non rimarranno delusi con una varietà di nudibranchi‚ come flabelline o vacchette di mare (Discodoris atromaculata)‚ spugne colorate‚ granchi‚ molluschi‚ polpi e seppie da ammirare e cavallucci  marini per i più fortunati… Insomma la variegata presenza di specie presenti in queste acque riproduce esattamente come dovrebbe essere il nostro Mar Mediterraneo‚ un’ alto indice di biodiversità caratteristica quasi unica rispetto a tutti gli altri mari.

Un Oasi Naturale

oa1
oa2
oa3
oa4
oa4
oa5
oas6
oas7
oas8
oas9
oas10
aso11
Uno scoglio nel cuore del Mediterraneo‚ la piccola Ustica è un' isola di origine vulcanica tutta da scoprire‚ una vera oasi naturale circondata dalle acque cristalline e incontaminate del suo mare. L'isola‚ con la sua meravigliosa flora mediterranea merita sicuramente di essere visitata da tutti gli amanti della natura. Puoi passeggiare lungo uno dei numerosi sentieri escursionistici e goderti una vista panoramica unica; campi dai colori vivaci e colline boscose incorniciate dalle tonalità brillanti del blu circostante del mare e del cielo.
Scopri le numerose grotte nascoste lungo la costa dell'isola‚ dove giochi di luce e riflessi‚ illuminano il mare di turchese e di verde‚ accentuati dal nero contrastante della roccia vulcanica. Ascolta il suono rilassante dell’eco dell'acqua che accarezza le pareti di roccia. Scopri cosa si trova sotto la superficie dell'acqua mentre fai snorkeling alle Piscine Naturali‚ formatasi tra le rocce ai piedi di uno dei due fari di Ustica e collegato al mare aperto tramite un passaggio sottomarino‚ lungo il quale nuotano tanti pesci colorati.
Per coloro che preferiscono rilassarsi in spiaggia‚ il posto migliore è Cala Sidoti‚ una bellissima baia con ciottoli scuri sul lato ovest dell'isola. Da non perdere sono i tramonti da questo lato dell'isola‚ un posto magico dove puoi ammirare i colori tipici di un tramonto mozzafiato da vivere in perfetta armonia immerso nel silenzio della natura‚ o mentre ti gusti un ottimo aperitivo‚ un "must" assoluto!