Area Marina Protetta

1
2
3
4
5

Il Ministero dell’Ambiente‚ con un decreto emanato nel 2002‚ ha istituito l’Area Marina Protetta di Capo Gallo - Isola delle Femmine‚ ricadente nei Comuni di Palermo e Isola delle Femmine. L’area della riserva è suddivisa nelle zone A‚ B e C‚ in riferimento ai diversi livelli di protezione.

Obiettivi dell’AMP (Area Marina Protetta)

Gli obiettivi che l’AMP (Area Marina Protetta) intende perseguire sono:

  • la protezione ambientale dell’area marina interessata;
  • la tutela e la valorizzazione delle risorse biologiche e geomorfologiche;
  • la diffusione e la divulgazione della conoscenza dell’ecologia e della biologia degli ambienti marini;
  • l’effettuazione di programmi di carattere educativo per il miglioramento della cultura generale nel campo dell’ecologia e della biologia marina;
  • la realizzazione di programmi di studio e ricerca scientifica nei settori dell’ecologia‚ della biologia marina e della tutela ambientale;
  • la promozione di uno sviluppo socio-economico compatibile con la rilevanza naturalistico-paesaggistica dell’area.

I fondali della AMP Capo Gallo - Isola delle Femmine sono caratterizzati da una buona visibilità e da una temperatura gradevole per molti mesi dell’anno. La presenza di una ricca e variegata fauna ittica identifica la particolarità di questo ambiente‚ rendendolo suggestivo ed emozionante. Bellissimo ed incantevole è lo spettacolo che si presenta agli occhi di chi si immerge o di chi‚ armato di maschera e di pinne‚ pratica snorkeling nelle acque trasparenti della Riserva.

È facile  osservare‚ nel loro ambiente naturale‚  esemplari di cernie‚ dotti‚  ricciole‚ saraghi e tanute‚ donzelle pavonine dai colori sgargianti‚ scorfani‚ murene‚ bavose sfinge nascoste nelle piccole cavità degli scogli‚ stelle marine‚ salpe‚ polpi‚ spugne‚ lepri di mare e‚ per gli appassionati di fotografia subacquea‚ una varietà di nudibranchi. Ma c’è di più: i fondali di Isola delle Femmine e dintorni sono un vero e proprio patrimonio archeologico. Qui si trovano‚ infatti‚ resti di tutti i tipi‚ da reperti dell’età greca e romana‚ a ritrovamenti più recenti. Un esempio molto popolare è il relitto Junkers-52‚ la carcassa di un aereo tedesco trimotore affondato nel 1942 nella vicina baia di Sferracavallo.

Think Green!

Fermamente convinti che ognuno debba godersi ciò che il mare offre nel miglior modo possibile ed in assoluto rispetto del tema ambientale‚ durante tutte le nostre attività‚ prestiamo molta cura ed attenzione‚ affinché quanto c’è di bello al di sotto della superficie e nei fondali possa essere sempre salvaguardato‚ sia per noi che per le generazioni future. Proprio per questo motivo‚ partecipiamo attivamente a progetti per la salvaguardia dell’ambiente marino ed organizziamo noi stessi delle campagne di sensibilizzazione‚ come Scuola d’amareProject AWARE Finathon FundraisingProject AWARE Adopt a Dive site e Dive Against Debris.

Anche tu puoi darci una mano‚ scopri come cliccando qui!

1
2
3
4
5
6
7